Come si diventa assistente di volo e quanto si guadagna

assistente di volo

Il lavoro di assistente di volo rappresenta un motivo di interesse per molti giovani. Sicuramente, attrae la prospettiva di viaggiare molto (e gratis) nonché la sensazione che, alla fine, questa professione non sia molto faticosa.

Purtroppo, questi sono dei veri e propri pregiudizi, dei miti da sfatare. In primo luogo, è vero che si viaggia gratis, ma alla fine le tratte cambiano raramente e alla fine il tutto potrebbe venire a noia, sicuramente non rappresentare un motivo di interesse così forte. Secondariamente, l’assistente di volo può essere una professione piuttosto faticosa. Ciononostante, i motivi per ambire a questa professione ci sono tutti: lo stipendio (che si arricchisce di alcuni benefit economici), il contatto con la clientela (che è molto stretto) e altro ancora.

In questo articolo parleremo delle mansioni che un assistente di volo svolge abitualmente, dei requisiti per poter ambire a questa professione, della retribuzione.

Cosa fa una hostess o uno steward

Assistente di volo è il termine italiano per indicare due professioni che, in realtà, sono identiche in tutto e per tutto eccetto che per il sesso di chi le pratica: hostess e steward. La prima è l’assistente di volo donna, il secondo è l’assistente di lavoro uomo. Una volta chiarito questo aspetto, scontato ma fino a un certo punto, è possibile elencare le mansioni.

  • Accogliere i passeggieri e provvedere al loro accomodamento
  • Presentare le norme di sicurezza da rispettare in fase di decollo e atterraggio
  • Verificare che i passeggeri stiano rispettando le norme di sicurezza
  • Distribuire (eventualmente) riviste e giornali
  • Servire il rinfresco (cibo e bibite)
  • Promozione di prodotti della compagnia o di società partner (eventuale)
  • Rispondere, ove possibile, alle richieste della clientela

Un assistente di volo ha più responsabilità di quanto si possa pensare. In primo luogo è la figura che ha il contatto più stretto con i clienti, tra quelle che coinvolgono il trasporto aereo. Secondariamente, rappresentano di fronte ai clienti stessi l’immagine della compagnia. La percezione che i clienti maturano della compagnia dipende in larga parte dal comportamento degli assistenti di volo.

Quanto guadagna un assistente di volo

Diventare un assistente di volo vuol dire innanzitutto saper fare questa professione o dimostrare di essere portati, nonché rispettare alcuni requisiti particolari. In genere è richiesto solo il diploma, quindi niente lauree da dover esibire.

Il requisito più importante è la conoscenza delle lingue straniere (qui qualche consiglio per imparare una lingua straniera). La padronanza dell’inglese deve essere totale, mentre è preferibile saper parlare correntemente almeno una tra spagnolo, arabo, cinese.

Anche la bella presenza è richiesta. D’altronde stiamo parlando di una professione che ruota attorno alle dinamiche d’immagine. Importante anche l’altezza: le donne devono misurare almeno 1 e 65, mentre gli uomini almeno 1 e 70. Alcune compagnia, però, stabiliscono delle deroghe a riguardo.

La vista deve essere perfetta: dieci decimi. Infine, niente tatuaggi e piercing visibili.

Ovviamente, sono richieste capacità di comunicazione, cordialità e gentilezza.

Il guadagno di un assistente di volo è abbastanza buono. Si parte da 1.200 euro (netti) e si arriva facilmente a 1.800 euro. Si contano poi molti benefit economici: assicurazione sulla vita, trasferte gratuite, biglietti omaggi, sconti etc.

Be the first to comment on "Come si diventa assistente di volo e quanto si guadagna"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*