Quali sono le tutele per le lavoratrici in stato di gravidanza in Italia?

lavoratrici in gravidanza

Il grado di civiltà di una società si evince anche dalla quantità e dalla qualità di tutele che riserva alle fasce deboli. Tra queste, spiccano le lavoratrici in gravidanza. Molte donne non lo sanno, o non conoscono l’argomento a fondo, ma l’ordinamento italiano assegna loro dei diritti specifici quando sono in gravidanza e in maternità. Ecco una panoramica sulle tutele per le lavoratrici in gravidanza e dopo il parto.

Lavorare in gravidanza: i riferimenti normativi

Lo stato di gravidanza e di maternità è stato disciplinato in maniera accurata non molti anni fa. Il riferimento è al “Testo unico a tutela della maternità e paternità“, presente in Gazzetta Ufficiale con il nome “D. Lgs. n. 151/2001”.

Questa normativa stabilisce i congedi, i riposi, i permessi e in generale le tutele a cui hanno diritto non solo le donne che stanno per partorire o hanno già partorito, ma anche – ed è questa la novità del testo – anche i neo-papà.

La ratio della legge è molto semplice: offrire garanzie di sicurezza e una parità di diritti rispetto ai lavoratori “normali”, nonostante un impegno gravoso – per quanto lieto – come è la gestione di una nascita e del neonato.

Le tutele durante la gravidanza e la maternità

Una parte importante del testo è la disciplina dei congedi. Nello specifico, le donne hanno diritto al congedo, quindi si possono assentare dal lavoro nei due mesi precedenti alla data (presunta, ovviamente) del parto e nei tre mesi successivi. 

Interessanti sono anche le norme che riguardano la valutazione dei rischi, il divieto di assegnare la lavoratrici a mansioni “proibite”, il divieto dell’attività lavorativa notturna, i casi in cui viene esteso il congedo di maternità.

Per quanto concerne il primo punto, ossa la valutazione dei rischi, il testo obbliga, molto banalmente, il datore di lavoro a valutare i rischi connessi all’attività di lavoro della donna incinta, soprattutto quelli, potenziali, che possono scaturire dal contatto con agenti chimici, fisici e biologici. Una volta eseguita questa valutazione, questa deve essere inoltrata ai rappresentati per la sicurezza e deve essere accompagnata da eventuali misure preventive. Una precisazione: per rischi si intendono anche quelli che hanno a che fare con lo stress lavorativo.

Il testo fa esplicito riferimento alle attività vietate in gravidanza, ossia a quelle che mettono a rischio la gravidanza stessa. Ecco una lista esaustiva:

  • Attività che prevedono la posizione in piedi per più di metà dell’orario di lavoro
  • Attività su scale e impalcature, siano esse mobili o fisse (pericolo di caduta)
  • Attività con macchine mosse a pedali, se il ritmo richiede l’ingente consumo di energie fisiche
  • Attività con  macchine che producono vibrazioni eccessive
  • Attività che prevedono l’uso di mezzi di locomozione potenzialmente pericolosi (automobili, vetture a quattro e due ruote)
  • Attività che espongono a temperature troppo basse (es. magazzini refrigeranti) o temperatura troppo alte (forni, stiratura etc.)

L’estensione del congedo di maternità, sia prima che dopo il parto, è riservata alle lavoratrici che soffrono di problemi di gestazione o vanno incontro a complicanze, anche psicologiche (depressione post-partum), nel primo periodo di maternità.

Infine, va segnalata la possibilità di usufruire di permessi speciali, se la lavoratrice ha in affidamento, perché madre o affidataria, un bambino al di sotto dei tre anni. Nello specifico, la tutela prevede il divieto di prestare attività lavorativa notturna.

Be the first to comment on "Quali sono le tutele per le lavoratrici in stato di gravidanza in Italia?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*