Sei un professionista? Ecco come deve essere strutturato il tuo sito personale

sito-per-professionisti

Se sei un professionista non puoi prescindere dalle opportunità che il web offre. Tuttavia, non basta essere presenti, dipende anche come, con quali contenuti. Certamente, un punto di contatto tra te e i potenziali clienti è il sito web. Come strutturare un buon sito per professionisti? I margini di discrezione, come quelli riservati alla creatività, ci sono ma alcuni elementi specifici non devono mancare. Ecco tutto ciò che c’è da sapere.

Consigli generale per creare un buon sito personale

Prima di descrivere gli elementi che strutturalmente devono essere presenti in un sito per professionisti, affinché questo sia realmente efficace, è bene fornire qualche consiglio generale.

Usa un linguaggio conciso. Il potenziale cliente che visiterà il tuo sito di certo non intende perdere il suo tempo. Quindi, poche chiacchiere. O, per meglio dire, solo quelle che sono funzionali a convincere e persuadere. In ogni caso, il linguaggio deve essere asciutto. La forma – eccetto rari casi – deve cedere il passo al contenuto.

Fai attenzione ai colori. I colori rappresentano uno strumento di marketing, in quanto richiamano – in maniera estremamente naturale e spontanea – a emozioni o spingono all’azione. Per esempio, il rosso spinge a compiere un’azione, l’azzurro infonde serenità, il giallo rassicuro a via discorrendo. Quale emozione vuoi che il tuo potenziale cliente provi mentre visito il tuo sito? Rispondi, trova il colore corrispondente e adegua le tue pagine di conseguenza.

Cura la grafica. Un sito per professionisti non deve essere bello, deve essere efficace. Questo significa che la grafica deve essere funzionale a una lettura il più possibile semplice e confortevole. Il tuo scopo è trattenere l’internauta nel tuo sito, in modo che possa essere convinto e procedere con il contatto diretto.

Sii sincero. Ok, è necessario “vendersi”, almeno un po’. Ciò non vuol dire che sia concesso raccontare menzogne. Anche perché sul web le bugie hanno le gambe corte. Hai certamente licenza di valorizzare i tuoi pregi, ma non hai nessun diritto di inventarli – né sarebbe utile.

Cosa non deve mancare in un sito web per professionisti

Ecco le pagine e le sezioni in cui deve essere strutturato un buon sito per professionisti.

Landing Page / Home. Dimentica la classica Home. In questa pagina, devi riassumere in poche parole chi sei, cosa fai e perché le persone dovrebbero scegliere te. E’ difficile creare una buona landing, ma per cominciare puoi pensarla come una specie di volantino.

Chi siamo. Qui puoi prenderti una licenza creativa. Devi essere più “attraente possibile”. Se ne sei capace, puoi arricchire la descrizione di te stesso con un po’ di storytelling. Sicuramente, devi saperti differenziare.

Servizi. In questa pagina, non solo descrivere i tuoi servizi ma lo devi fare in un modo che risulti comprensibile ai tuoi potenziali clienti. Quindi, attenzione ai tecnicismi.

Portfolio. Trovi tutte le informazioni necessarie in questo articolo.

Contatti. Mi raccomando: email professionali, numero di telefono sempre disponibile e, se riesci a crearlo, un bel form dal quale puoi essere facilmente contattato.

Questo è lo stretto necessario. Molti professionisti, per esempio, arricchiscono il loro sito con una sezione finalizzata all’inbound marketing: il blog. Qui puoi scrivere contenuti atti a informare i tuoi potenziali clienti o semplicemente a intrattenerli. Rappresenta un punto di contatto efficace, nonché un modo per dimostrare anche con le parole le tue competenze.

Be the first to comment on "Sei un professionista? Ecco come deve essere strutturato il tuo sito personale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*